Per due mesi perseguita i vicini di casa: con una mazza si accanisce contro la loro finestra

E' avvenuto a Balangero. Il molestatore era stato mantenuto distante dal paese per due anni per le stesse ragioni

immagine di repertorio

E' tornato dopo due anni di divieto di entrare a Balangero, dove risiede con la madre, e per due mesi, da febbraio a inizio aprile 2017, è tornato a perseguitare i suoi vicini di casa, fino a quando, colto sul fatto, è stato nuovamente arrestato dai carabinieri.

Protagonista dell'accaduto un italiano di 40 anni, che ora si trova ai domiciliari con un nuovo obbligo, anche nel caso fosse liberato, di non mettere piede nel paese.

Da quando era tornato a casa tutto era tornato come prima del suo allontanamento. Ha spaccato il lunotto di un'auto, ha versato del liquido corrosivo sulla carrozzeria di una Lancia Ypsilon, sempre di proprietà dei vicini di casa, ha gettato bottiglie di vetro nel cortile e contro le finestre e, infine, ha preso una mazza e ha iniziato a colpirle quando, finalmente, è stato bloccato.

La donna che si trovava in casa è stata trasportata in ospedale per lo spavento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

Torna su
TorinoToday è in caricamento