Minotauro: chiesti 609 anni di condanna per i 63 imputati in Appello

Tra le richieste del pg c’è quella all’ex sindaco di Leinì Nevio Coral, per cui sono stati chiesti dieci anni, sette anni all’ex segretario comunale di Rivarolo Antonino Battaglia, quindici per Rosario Mirando

Il procuratore generale Antonio Malagnino ha chiesto 609 anni complessivi per i 63 imputati del processo Minotauro, giunto alla seconda fase, quella dell’Appello. In primo grado ne erano stati sentenziati 266 di anni.

Tra le richieste del pg c’è quella all’ex sindaco di Leinì Nevio Coral, per cui sono stati chiesti dieci anni, la stessa pena data in Corte d’Assise, sette anni all’ex segretario comunale di Rivarolo Antonino Battaglia, quindici per Rosario Mirando, assolto in primo grado ma nuovamente arrestato a Roma negli scorsi giorni per il sequestro del figlio di un boss di Gioiosa Ionica.

Il primo grado di giudizio si era chiuso con 36 condanne e 38 assoluzioni. Da ricordare che il processo sulle infiltrazioni dell’ndrangheta nel torinese si era già concluso per 50 imputati con la condanna definitiva in Corte di Cassazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

  • Accoltella il fratello dopo una violenta lite: ferito all'addome e al torace

  • Si fa un selfie con Brumotti, ma i poliziotti lo riconoscono: arrestato latitante

Torna su
TorinoToday è in caricamento