Minacce ripetute all'ex moglie, il giudice gli vieta di entrare a Nole

Provvedimento contro un operaio di 55 anni: se verrà sorpreso in paese verrà arrestato

Il tribunale di Ivrea

Divieto di entrare a Nole, dove abitano l'ex moglie e il figlio.

E' il provvedimento spiccato dal gip Alessandro Scialabba, su richiesta del pm Giuseppe Drammis, entrambi in servizio presso il tribubale di Ivrea, nei confronti di un operaio di 55 anni che da tempo perseguitava l'ex consorte.

L'uomo ora si è trasferito a Mathi: se verrà trovato a Nole verrà immediatamente arrestato e pesantemente multato.

L’ultima minaccia sul telefonino della donna è arrivata proprio mentre lei era dai carabinieri per spoergere l'ultima denuncia nei suoi confronti.

Il provvedimento è valido anche per il luogo dove la donna lavora e per tutti i luoghi dove abitano i suoi parenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento