Minacce ripetute all'ex moglie, il giudice gli vieta di entrare a Nole

Provvedimento contro un operaio di 55 anni: se verrà sorpreso in paese verrà arrestato

Il tribunale di Ivrea

Divieto di entrare a Nole, dove abitano l'ex moglie e il figlio.

E' il provvedimento spiccato dal gip Alessandro Scialabba, su richiesta del pm Giuseppe Drammis, entrambi in servizio presso il tribubale di Ivrea, nei confronti di un operaio di 55 anni che da tempo perseguitava l'ex consorte.

L'uomo ora si è trasferito a Mathi: se verrà trovato a Nole verrà immediatamente arrestato e pesantemente multato.

L’ultima minaccia sul telefonino della donna è arrivata proprio mentre lei era dai carabinieri per spoergere l'ultima denuncia nei suoi confronti.

Il provvedimento è valido anche per il luogo dove la donna lavora e per tutti i luoghi dove abitano i suoi parenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Scontro fra quattro auto lungo la provinciale: 24enne denunciato per guida in stato di ebbrezza

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento