Minacce ripetute all'ex moglie, il giudice gli vieta di entrare a Nole

Provvedimento contro un operaio di 55 anni: se verrà sorpreso in paese verrà arrestato

Il tribunale di Ivrea

Divieto di entrare a Nole, dove abitano l'ex moglie e il figlio.

E' il provvedimento spiccato dal gip Alessandro Scialabba, su richiesta del pm Giuseppe Drammis, entrambi in servizio presso il tribubale di Ivrea, nei confronti di un operaio di 55 anni che da tempo perseguitava l'ex consorte.

L'uomo ora si è trasferito a Mathi: se verrà trovato a Nole verrà immediatamente arrestato e pesantemente multato.

L’ultima minaccia sul telefonino della donna è arrivata proprio mentre lei era dai carabinieri per spoergere l'ultima denuncia nei suoi confronti.

Il provvedimento è valido anche per il luogo dove la donna lavora e per tutti i luoghi dove abitano i suoi parenti.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento