Lavoratore della De Tomaso minaccia il suicidio su Facebook

Il post è stato inviato dagli stessi colleghi dell'uomo al governatore della Regione Chiamparino e all'Assessore Pentenero per invitarli a fare qualcosa prima che qualcuno arrivi a gesti estremi

Minaccia di suicidarsi quando saranno finiti tutti i suoi pochissimi risparmi. E' quello che ha scritto - in un post - un lavoratore della De Tomaso su Facebook, post che è stato immediatamente girato dai suoi colleghi al presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino ed all'assessore regionale al Lavoro, Gianna Pentenero.

E' un mese, infatti, che i lavoratori della De Tomaso non ricevono nulla. La causa? La mancata firma dell'accordo per la proroga della cassa integrazione in deroga fino al 30 dicembre da parte del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. La proroga straordinaria, infatti, al momento, risulta firmata solo dal ministro del Lavoro Poletti. Ma non è tutto, perchè i lavoratori stanno ancora aspettando di sapere le sorti dell'azienda dopo l'offerta da parte di una casa automobilistica cinese interessata a rilevare la De Tomaso.

Un segnale importante quello lanciato dal lavoratore che ha minacciato il suicidio, piuttosto un invito: "Molti colleghi - scrivono i lavoratori a Chiamparino e Pentenero - sono in profonda depressione ma si vergognano di dirlo. Speriamo che nessuno si faccia del male. E' un segnale d'allarme. Datevi da fare perchè il decreto venga firmato nel piu' breve tempo possibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

Torna su
TorinoToday è in caricamento