Torino, dove l'hamburger è diventato slow: le migliori 5 hamburgerie

Tra i motivi che hanno portato al successo universale dell'hamburger in Italia, anche l'esempio di M** Bun che lo ha trasformato da fast a slow

L'hamburger non è certo una scoperta recente tra gli italiani. È da quasi un secolo, ormai, che film, romanzi, fumetti e telefilm americani ci mostrano questi panini con polpetta di carne macinata, salse, insalata e condimenti quanto più vari, accompagnati solitamente da patatine fritte o da sostituti come gli anelli di cipolla. Eppure, fino a non molti anni fa, gli unici posti in cui poter mangiare degli hamburger “all'americana” erano i rari Mc Donald's e Burger King sparsi nelle città e nelle autostrade d'Italia.

Da qualche anno, invece, la “moda” dell'hamburger è letteralmente esplosa non solo tra i più giovani ma anche tra le famiglie e – soprattutto – gli amanti della buona cucina.

Probabilmente, a incidere su questa grande popolarità di hamburger e hamburgerie sono diversi fattori: il fisiologico calo dopo tanti anni del kebab (che a sua volta aveva sostituito la pizza al taglio), la possibilità di rappresentare un pasto completo a un prezzo contenuto, un certo stile importato dalla scena hipster statunitense. Ma anche un fattore non di poco conto: il cambio di immagine e di sostanza dai panini delle catene fast food a quelli dell'hamburger slow food di oggi.

In sostanza, l'hamburger è diventato “italiano”: artigianale, di prima qualità, esteticamente impeccabile e nutriente con armonia ed equilibrio. E così, da fenomeno quasi esclusivamente giovanile il consumo di hamburger è diventato un fenomeno di massa collettivo e universale anche in Italia, che include appassionati di gastronomia e chef di alto livello, e anche molteplici varianti per vegetariani e vegani.

In questo cambio di immagine e di sostanza per l'hamburger nel nostro Paese, a ricoprire un ruolo importante è stato un nome torinese che ha fatto scuola: M** Bun, nato come Mac Bun (solo buono in dialetto torinese) in via Susa a Rivoli nel 2009 e costretto da Mc Donald's a “censurare” il proprio nome troppo simile ma non a diventare la prima hamburgeria “slow” nel centro della città che ha proprio il toro come suo simbolo.

In pochi anni, sulla scia di M** Bun a Torino si sono moltiplicati i luoghi dove mangiare o ordinare take away gli hamburger e i contorni classici. Per chi vuole assaggiare i migliori hamburger di Torino, abbiamo incrociato le recensioni di Google e TripAdvisor e abbiamo selezionato le 4 hamburgerie più apprezzate, oltre ai pionieri arrivati da Rivoli:

- Secondo gli utenti di TripAdvisor, il miglior hamburger di Torino si mangia in San Salvario alla MuUrgheria di via Nizza 129/A, all'angolo con via Tiziano.

- Secondo le recensioni di Google, invece, il migliore è BeneCosi Rock Burger Cafè di via Roero Cortanze 2/c, dietro Palazzo Nuovo.

- Poco distante, seconda classificata su Google, c'è Qualeaty, via Eusebio Bava 7, una traversa di Piazza Vittorio.

- In piazza Emanuele Filiberto 4 si trova invece la Fassoneria, seconda hamburgeria più apprezzata dai recensori di TripAdvisor.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento