Droga nascosta tra i biscotti e in una mela, un arresto

Intervento dei poliziotti nel Centro di permanenza e rimpatrio

Nel primo pomeriggio di giovedì 13 dicembre gli agenti della Polizia di Stato, in servizio di vigilanza al Centro di permanenza e rimpatrio di Torino, hanno arrestato un italiano di 48 anni per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Alle 15 circa l’uomo si è presentato alla struttura per consegnare diverso materiale e prodotti ad un ospite del centro. Nel corso del controllo del materiale in entrata, gli agenti hanno notato che quattro confezioni di biscotti presentavano un’anomalia nella sigillatura che appariva alterata. I poliziotti, insospettiti, hanno aperto le confezioni e mischiati tra i biscotti hanno trovato 21 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo superiore ai 25 grammi e due ovuli di hashish per oltre 20 grammi.

Droga nella mela

Sempre nella giornata di ieri, intorno alle 19, all’interno della struttura è stata lanciata dall’esterno una mela nella quale era occultata sostanza stupefacente. La mela e il suo contenuto sono stati recuperati dal personale preposto alla vigilanza della struttura e poi sequestrati dalla Polizia di Stato.

OVULI POLIZIA-2

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento