Figlio 24enne picchia il padre e lo manda all’ospedale, arrestato

L'episodio a Mazzè, nel Torinese. Il genitore più di una volta aveva nascosto le violenze subite

Una brutta storia di violenza domestica, un figlio che non lavora e non studia ma che trova il tempo di picchiare suo padre e di mandarlo all’ospedale. Una storia alla quale i carabinieri hanno posto fine arrestando il ragazzo lo scorso venerdì.

I protagonisti di questa vicenda risiedono nel comune di Mazzè, 4mila abitanti nel Canavese, in provincia di Torino. Il giovane è un 24enne con problemi di salute, che più di una volta ha malmenato il padre, mandandolo addirittura al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso lo scorso 25 gennaio.

Quella volta, il ragazzo lo aveva aggredito con pugni e calci, oltre a ferirlo con un oggetto in ferro. Il genitore se l’era cavata con un mese di prognosi, ma la Procura di Ivrea aveva deciso di aprire un inchiesta, al termine della quale era stata emessa l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Quindi, la settimana scorsa, ecco l’arresto, eseguito dai carabinieri della stazione di Caluso con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni. Ciò che tuttavia stupisce è il fatto che il padre, più di una volta, abbia coperto le violenze subite senza mai sporgere denuncia nei confronti del figlio.


 

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento