Insulti, urla e secchiate d'acqua durante la manifestazione anti rom in centro

Proprio durante il corteo è giunta notizia dell'evasione dal carcere delle Vallette della nomade che con il suo camper, lo scorso maggio, uccise un motociclista

La protesta contro i rom (servizio di Mihai Bursuc))

Momenti di tensione ieri, lunedì 19 giugno, in centro a Torino. Diversi cittadini hanno manifestato in un corteo - tra Palazzo di Città e la Prefettura - per chiedere alla sindaca Chiara Appendino e al Prefetto Renato Saccone la chiusura dei campi rom. Ma durante il tragitto, quando il gruppo di manifestanti ne ha incrociati altri che invece sono scesi in strada per difendere i nomadi, con tanto di striscione - "I rom torinesi come noi!" - sono iniziate le urla, insulti, qualche spintone e secchiate d'acqua dalle finestre. A calmare le acque, gli agenti della polizia in tenuta antisommossa. 

A sfilare contro i rom anche i parenti di Oreste Giagnotto, il 58enne che il 12 maggio scorso, mentre era in moto, passando davanti al campo, fu investito e ucciso da una nomade alla guida di un camper che fece inversione a forte velocità e senza alcun preavviso.

Ed è proprio durante la manifestazione di ieri che la donna di 22 anni arrestata per omicidio stradale e omissione di soccorso - è riuscita a fuggire dalla sezione Icam, le case per mamme detenute con attenuata sorveglianza, del carcere di Torino dove ha peraltro abbandonato la figlia di pochi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento