Il maniaco dell'ospedale era evaso dai domiciliari: nuovo arresto alla stazione

A Pont Canavese. Si tratta dell'uomo che lo scorso marzo costrinse una paziente a toccarlo, si masturbò davanti ad altri due e ruppe il braccio a un sanitario

La stazione ferroviaria di Pont Canavese, dove è avvenuto l'episodio

Lo scorso 23 marzo era stato arrestato dopo avere costretto un'anziana paziente dell'ospedale di Ivrea a toccargli i genitali, essersi masturbato davanti ad altre due degenti e avere rotto un braccio a un operatore socio-sanitario che lo aveva scoperto.

Dopo essere stato messo ai domiciliari a Pont Canavese, dove abita, lo stesso marocchino di 20 anni è stato nuovamente arrestato, questa volta dai carabinieri, alla stazione ferroviaria del paese.

Un cittadino, infatti, aveva segnalato la presenza di un uomo sospetto con il volto coperto da un cappuccio, che si aggirava nella zona del cimitero e che si stava dirigendo verso lo scalo.

Una volta individuato, il giovane è fuggito prima in un capannone in disuso della stazione e poi salendo sul tetto di un vagone di un treno fuori servizio. Qui è stato circondato, si è arreso ed è finito nuovamente in carcere, stavolta con l'accusa di evasione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento