Magistratura, finisce un'epoca: Guariniello e Maddalena in pensione

La decisione è stata presa dal Csm, per sopraggiunti limiti di età. A lasciare è anche Mario Barbuto

Per la giustizia torinese si può davvero parlare di “fine di un’epoca”. Due eminenti figure della magistratura del capoluogo – oltre che italiana –  andranno in pensione a fine anno. Si tratta di Raffaele Guariniello e Marcello Maddalena, inseriti tra gli 84 pm e giudici di tutta Italia per i quali il Consiglio Superiore della Magistratura ha deliberato il pensionamento.

Una carriera lunga e degna di nota, quella di Raffaele Guariniello, a Torino dal 1992 con la carica di procuratore aggiunto e nominato procuratore capo vicario nel 2008. Celebri le sue inchieste sull’abuso di farmaci nel calcio a fine anni ’90 – che coinvolsero in particolare la Juventus – ma anche quelle riguardanti le morti sul lavoro, dalla Thyssen all’Eternit. 

Brillante carriera anche per Marcello Maddalena, attuale procuratore generale di Torino e fino al 2008 procuratore della Repubblica presso il medesimo tribunale, carica che lasciò in seguito a Gian Carlo Caselli e che ora è nelle mani di Armando Spataro. Tra le sue inchieste, il caso Telekom-Serbia. 

In pensione ci va anche Mario Barbuto, attuale capo del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria del Ministero della Giustizia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento