Presunti abusi su una bambina in orario scolastico, maestro nei guai

Rischia fino a 12 anni

immagine di repertorio

Un maestro elementare di 40 anni è a processo in tribunale a Ivrea con l'accusa di avere abusato di una bambina sua alunna quando, nel 2017, era il suo insegnante. Secondo quanto emerso dal processo apertosi ieri, martedì 8 maggio 2018, gli episodi sarebbero avvenuti durante il normale orario scolastico. Lui era un supplente in un istituto scolastico del Canavese.

Per il pm Chiara Molinari, che ha condotto l'accusa, il maestro è responsabile di violenza sessuale e corruzione di minori e per questo rischia una pena fino a 12 anni di carcere. La famiglia della bambina, che aveva avuto il coraggio di confidarsi con la mamma facendo partire gli accertamenti poi condotti dai carabinieri, si è costituita parte civile.

L'imputato è difeso dall'avvocato Antonio Pisani del foro di Lagonegro (Potenza), località di cui è originario il maestro. A pronunciare la sentenza sarà il collegio presieduto dal giudice Elena Stoppini. "Il mio cliente - dice il legale - non ha commesso nessuno dei fatti che gli vengono addebitati. Se mai c'è stata qualche carezza, è stata senz'altro male interpretata. Chiederemo l'assoluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento