Macello abusivo per la lavorazione della selvaggina cacciata abusivamente: due denunciati e maxi-sequestro

Proposta anche in un ristorante

immagine di repertorio

Un macello abusivo in cui veniva lavorata selvaggina è stato scoperto dai carabinieri del Nas, in collaborazione con i colleghi forestali, all'interno di un magazzino di fianco a una casa a Castellamonte a inizio dicembre 2019.

Oltre a cinghiali, camosci, cervi e caprioli, vi veniva macellata anche carne di stambecco, che non può essere cacciato.

Il residente, un ultrasessantenne, è stato denunciato sia per l'attività di bracconaggio sia per l'abusivismo del macello, che è stato sottoposto a sequestro.

Nell'operazione sono stati sequestrati più di 400 insaccati prodotti con carne di selvaggina e un quintale di carni provenienti da animali di dubbia provenienza, probabilmente vittime di bracconaggio. Alcune delle carni erano già confezionate e pronte alla vendita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno anche individuato un ristoratore di Cuorgné che proponeva carni provenienti da questo macello, e quindi del tutto prive di controlli di filiera, all'interno del proprio menù. Nella sua casa i prodotti sono stati trovati stoccati in sacchi neri del tutto simili a quelli per i rifiuti. Anche per quest'ultimo è scattata la denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento