Nasconde una lupara nella scatola dell'albero di Natale, arrestato

L'arma è totalmente sconosciuta alle forze dell'ordine: si indaga per capire se sia stata utilizzata in qualche delitto e se l'uomo fosse solo un custode

La lupara recuperata dai carabinieri

Una lupara del tutto sconosciuta alla banca dati delle armi è stata trovata nella notte di oggi, giovedì 27 ottobre, dai carabinieri in un garage di Moncalieri, dove abita un italiano di 66 anni che è stato arrestato.

L'arma, tecnicamente un fucile a canne mozze, era nascosta tra i rami di un finto albero di Natale che era chiuso in una scatola. Gli uomini della compagnia cittadina hanno sorpreso il custode nel sonno in via delle Finanze. Ora sono in corso le indagini, coordinate dal pm Paola Stupino: bisogna capire che cosa ci facesse quell'arma in quel luogo, se l'uomo fosse soltanto lì per custodirla per conto di qualcun altro o se l'abbia utilizzata in prima persona, se questa sia stata impiegata nel corso di qualche delitto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' probabile che nei prossimi giorni vengano effettuati rilevamenti scientifici per rispondere ad alcuni di questi quesiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento