La Lega toglie il tappeto per la preghiera e la Procura apre un fascicolo

Dopo il blitz di ieri, i consiglieri Ricca e Carbonero - che avevano rimosso l'angolo di preghiera per i musulmani allestito in Comune - verranno ascoltati dalla Polizia. Potrebbero rispondere di violazione della legge Mancino

I fatti di ieri accaduti a Palazzo Civico sono diventati un vero e proprio caso.  È stato aperto un fascicolo dalla Procura di Torino, senza indagati e ipotesi di reato, sul blitz dei consiglieri della Lega Nord in Comune.  Per loro potrebbe configurarsi la violazione della legge Mancino, sulle discriminazioni per motivi razziali.

Fabrizio Ricca e Roberto Carbonero, avevano infatti protestato relativamente allo spazio provvisorio nella Sala Matrimoni, allestito per permettere agli ospiti della tavola rotonda sulla moda islamica, in corso a Palazzo Civico, di raccogliersi in preghiera, rimuovendo direttamente il tappeto posizionato appositamente, così come vuole la tradizione islamica.

Gli autori della protesta verranno ascoltati dalla Polizia. E nel frattempo, sui fatti di ieri, arrivano anche i primi commenti dall'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia: "Ci auguriamo che la scelta, da parte dell'amministrazione comunale, di concedere una sala per la preghiera ad alcuni fedeli musulmani, sia il segno del superamento di quel blocco ideologico che separa laicità e vita di fede. Siamo certi - ha concluso - che questa scelta verrà confermata anche quando altre comunità religiose riconosciute in Italia, cattolica compresa, chiederanno lo stesso trattamento". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Hanno fatto benissimo. Noi togliamo i crocifissi dai posti pubblici, loro vadano a prostrarsi in maomettonia...

  • Siccome Torino sta divenendo una città islamica è meglio curarsi in anticipo i futuri padroni.

  • Lo sbaglio è Fassino! Non ci sono parole! ...grazie a chi ha dato il voto ! Adesso tenetevelo

  • Avete ragione tutti e 2...

  • Sabato arriva il sindaco di Nagoya Giappone per i 10 anni del gemellaggio. Fassino non vuole nemmeno incontrarlo a lui non interessano i rapporti con il giappone, ne la loro cultura ne la loro religione. Nagoya spende tanti soldi per l'amicizia con Torino e Fassino lo snobba. Se fosse stato un arabo mussulmano si sarebbe inchinato con la faccia a terra invece

  • Mi domando, se noi dovessimo andare al loro paese avremo lo stesso trattamento o ci taglierebbero la testa

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cadavere trovato in un campo, un passante lancia l’allarme: indagini in corso

  • Cronaca

    Fuga a tutta velocità e in parte contromano a bordo del furgone rubato: un arrestato

  • Attualità

    Il primo palazzo in legno in costruzione a Torino: ecco dove

  • Cronaca

    Auto parcheggiata avvolta dalle fiamme, incendio spento dai vigili del fuoco

I più letti della settimana

  • La rotonda è un delirio, traffico bloccato in gran parte della città

  • Pasticceri e pasticcerie migliori di Torino, i premi del Gambero Rosso

  • Sciopero di 24 ore dei mezzi pubblici, disagi in città: le informazioni utili

  • Scontro frontale sulla provinciale: due auto distrutte, morto uno dei conducenti

  • Cadavere di un ragazzino vicino ai binari: bloccata la ferrovia

  • Addio a Cosimo il panettiere: un grande lavoratore che lascia moglie e due figli

Torna su
TorinoToday è in caricamento