In strada della Verna alloggi quasi pronti per il rientro dei residenti

Ad un mese dall'esplosione Atc e Comune di Torino stanno ultimando i lavori nei 14 appartamenti meno danneggiati. Per gli altri servirà più tempo, ma i residenti possono decidere di cambiare alloggio

E' passato quasi un mese da quella forte esplosione in strada della Verna 20 che all'alba del 7 marzo svegliò un intero quartiere. Non ci furono vittime, ma gli abitanti di 24 alloggi, una cinquantina di persone disposte su sei piani, furono costretti ad evacuare. E in quegli appartamenti non sono ancora potuti rientrare. Tanti i danni provocati dallo scoppio, appartamenti non ancora sicuri e una grossa ristrutturazione da fare.

L'Atc non ha perso tempo ed appena è stato notificato il decreto di dissequestro delle abitazioni sono iniziati i lavori. Le famiglie residenti dormono ancora in vari alberghi cittadini o da parenti ospitali, ma è intenzione sia del Comune di Torino, sia dell'Agenzia Territoriale per la Casa, restituire loro gli appartamenti il prima possibile. "Non abbiamo ancora una certezza sulla data in cui potremo far rientrare le persone negli alloggi - ci spiegano da Atc -, ma i lavori procedono bene". Probabilmente già nei prossimi giorni se ne saprà qualcosa di più, ma il sentore è che prima di Pasqua un terzo degli alloggi saranno riconsegnati. "Almeno i 14 che hanno subito meno danni - sottolineano da Atc -, per gli altri ci vorrà più tempo".

Nove sono gli appartamenti messi peggio, quelli per cui serviranno ancora diverse settimane di lavoro prima che possano ricevere il benestare per essere ridati ai residenti. Un'opzione che potrebbe però non essere esercitata da questi ultimi, visto che Comune e Atc hanno dato loro la possibilità di cambiare casa. Delle 9 famiglie, già 6 hanno deciso di vivere da un'altra parte in modo provvisorio o definitivo. Tre invece i residenti che ancora non hanno preso una decisione: tra loro anche colui che abitava nell'alloggio dell'esplosione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento