"Torino fa scuola", firmato l’accordo per la riqualificazione della Enrico Fermi

La firma dell'accordo è stata apposta dal sindaco di Torino, Piero Fassino e dal vicepresidente della Fondazione Agnelli, John Elkann

Città di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione Giovanni Agnelli hanno firmato oggi l’accordo che dà formalmente il via alla  riqualificazione della scuola media Enrico Fermi di piazza Giacomini, con l’ammodernamento della struttura e il profondo rinnovamento di tutti gli ambienti di apprendimento, attraverso un percorso partecipato, così come previsto dal progetto Torino fa Scuola della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Agnelli, presentato alla cittadinanza e ai media nella primavera del 2015. Un progetto innovativo, sostenibile, replicabile.

La firma dell’accordo, presso Palazzo di Città, è stata apposta davanti al notaio Remo Maria Morone dal sindaco di Torino, Piero Fassino, dal presidente della Compagnia di San Paolo, Luca Remmert, e dal vicepresidente della Fondazione Agnelli, John Elkann.

Sul piano giuridico si profila un modello innovativo: due fondazioni private e senza scopo di lucro realizzeranno in modo diretto l’intervento su un bene pubblico, restituendolo rinnovato. Il rapporto è pensato con un iter particolarmente semplice e snello, che prevede alcuni momenti cruciali autorizzativi‎, ma soprattutto una condivisione piena di tutti i passi fra le fondazioni e la Città. L’accordo prevede un impegno economico congiunto delle due fondazioni per la scuola Fermi fino a 7 milioni di euro (fino a 3 per Compagnia di San Paolo, fino a 4 per Fondazione Agnelli) e nessun onere per la Città. La Fondazione Agnelli sarà il committente unico di tutto il progetto.

Il progetto Torino fa Scuola si propone di intervenire sugli spazi di apprendimento che servono alla scuola italiana, rendendoli funzionali alle esigenze di una didattica nuova e del benessere dei ragazzi e degli adulti che lavorano negli spazi scolastici, integrandoli meglio nella loro comunità territoriale. Alla riflessione culturale, pedagogica e architettonica, Torino fa Scuola fa seguire un intervento concreto su due scuole pubbliche in città: insieme alla Fermi, seguirà infatti anche la scuola media Giovanni Pascoli. Per quest’ultima i lavori di rinnovamento saranno finanziati dalla Compagnia di San Paolo.

Il progetto nasce e si concretizza a Torino grazie alla volontà delle due fondazioni di “donare” alla Città un importante intervento di innovazione scolastica, ma ha anche un’esplicita e più estesa ambizione: quella di “fare scuola” per offrire idee e un modello di riqualificazione del patrimonio edilizio scolastico replicabile in tutto il Paese. Da questo punto di vista, la scelta della scuola media Fermi non è casuale. Di proprietà della Città, la Fermi è stata progettata nel 1961 e costruita nel quartiere Lingotto negli anni immediatamente successivi, come più del 40% delle scuole italiane.

È una scuola il cui stato di conservazione riflette l'età della struttura sebbene sia ancora funzionale, frequentata da un’utenza mista dal punto di vista della composizione sociale. Le caratteristiche della Fermi ben corrispondono quindi all’idea di proporre soluzioni progettuali innovative, ma anche tali da potere essere adattate e riproposte in altre realtà italiane, partendo proprio dalle tipologie di edilizia scolastica più comuni e presenti nel Paese. Le prossime fasi del percorso di Torino fa scuola relativamente alla scuola media Fermi, che dovrebbe giungere a completamento alla fine del 2019, saranno il concorso di progettazione fra architetti – bandito entro l’autunno - e la selezione del progetto di riqualificazione; lo sviluppo del progetto esecutivo e approvazioni; il cantiere e la consegna della scuola.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Sassi dal cavalcavia a Carmagnola, colpita un'auto: il conducente si salva

    • Cronaca

      Ragazzini adescati in strada e portati a festini in collina, quattro condanne

    • Sport

      Al via la Coppa del Mondo a Sestriere: occhi puntati sulle piemontesi Marsaglia e Bassino

    • Cronaca

      Scippa la borsetta a una donna, ma poi viene colto da un malore: arrestato

    I più letti della settimana

    • Porta Nuova, con l'auto quasi giù dalle scale della Metro

    • I Babbi Natale dirigono il traffico, poi corrono al Regina Margherita

    • Suicida l'imprenditore Dario Fussotto, una vita tra abbigliamento e bar

    • Pragelato, è una scialpinista torinese di 54 anni la vittima dell'incidente in montagna

    • Dal Po affiora un’auto, nessuno all’interno: il recupero

    • Buttigliera Alta dice addio a Giuseppe Benetti, è lui il ciclista rimasto ucciso a Rosta

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento