Dedicato un giardino a Wiesenthal, il “cacciatore di nazisti”

Intitolato questa mattina in Largo Orbassano un giardino a Simon Wiesenthal, il "cacciatore di nazisti". La figlia di Wiesenthal manda i suoi ringraziamenti

L’area verde di largo Orbassano, da oggi, ha cambiato nome: la toponomastica cittadina si arricchisce infatti di un giardino dedicato a Simon Wiesenthal, il “cacciatore di nazisti”. Nato a Buczacz nel 1908, oggi in Ucraina, ma allora nell’Impero Austro-Ungarico, Wiesenthal poiché ebreo venne deportato nei campi di concentramento tedeschi, venendo liberato il 5 maggio 1945, quando gli alleati entrarono a Mauthausen, dove era rinchiuso.

Wiesenthal, come ha ricordato oggi il presidente del consiglio comunale Giovanni Maria Ferraris, visse con il desiderio morale di poter fare qualcosa per non far dimenticare questa tragedia: “Mi chiedo – sono le parole di Wiesenthal – cosa posso fare per coloro che non sono sopravvissuti. Voglio essere il loro portavoce”.

Così, nel 1947, egli fondò il Centro Ebraico di Documentazione Storica, facendosi portavoce di coloro che erano morti e cercando i criminali di guerra nazisti fuggiti in angoli remoti sotto falso nome: come Adolf Eichmann, che nel 1960 venne arrestato e condannato a morte in Israele.

Alla cerimonia di oggi, il consigliere delegato di Savigliano Carmine Bonino ha letto una epistola della figlia Paulika Wiesenthal, che ha ringraziato il Comune e la cittadinanza di Torino: “Questo – ha spiegato Paulinka – è il primo giardino intitolato a mio padre”. Alla cerimonia ha partecipato anche Beppe Segre, presidente della comunità ebraica di Torino: “L’attività di Wiesenthal – ha dichiarato – dimostra che per i criminali non c’è prescrizione, per i crimini non c’è l’oblio”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Carta di identità elettronica, manca il personale: code infinite alle anagrafi

  • Cronaca

    Aggrediscono e rapinano la titolare di un negozio: bottino 5mila euro

  • Cronaca

    Strana morìa di piccioni in città: l'ipotesi è di avvelenamento

  • Cronaca

    Dopo le proteste dei residenti, la polizia sgombera le roulotte usate come case

I più letti della settimana

  • Cade dalle scale mobili della metropolitana, morto 28enne

  • Travolto e ucciso mentre va a prendere il bus, si è costituito il pirata della strada

  • A Torino il primo semaforo Vista Red: multerà chi passa col rosso

  • Corre completamente nuda in strada, poi salta a bordo dell'auto della polizia

  • Travolta mentre attraversa la strada sulle strisce pedonali: sbalzata di decine di metri, morta sul colpo

  • Terribile incidente in autostrada: dopo il nonno è morta anche la nipote di otto anni

Torna su
TorinoToday è in caricamento