Pronto soccorso intasati per l'influenza, ed è polemica

Il picco in questi giorni

Come ogni anno è arrivata l'influenza e i pronto soccorso torinesi, ormai da giorni, sono presi d'assalto. Alla vigilia di Natale i casi sono saliti vertiginosamente. Si contavano 387mila nuovi casi  in tutta Italia - per un totale di 1 milione e 400mila casi da iniziò stagione - , di cui 36mila in Piemonte con una incidenza di 7,9 casi per mille assistiti secondo i dati del SeReMi, il servizio regionale di riferimento epidemiologico per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo delle malattie infettive.

Secondo i dati forniti dall'ente, la fascia d’età più colpita è sempre quella infantile (in particolare sotto i 5 anni di età) – 27 casi per mille assistiti – mentre per gli adulti l’incidenza è di 9 casi per mille e per gli ultra65enni di 3 casi. Centinaia di persone in attesa nelle sale degli ospedali, tra visite e ricoveri, centralini del telefono intasati e chi più ne ha, più ne metta. Gli accessi sono in crescita in tutti gli ospedali e la situazione tenderà ad aggravarsi nel week-end, quando gli studi medici saranno chiusi. 

Le critiche 

Ed ecco puntuali come ogni anno, anche le polemiche. "Come ogni inverno, con l'arrivo dell'influenza, i servizi sanitari vanno in tilt - commenta Alessandro Dabbene, segretario regionale di Fimmg, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale - Nonostante le previsioni sul picco, le Asl non hanno provveduto a rinforzare il servizio di continuità assistenziale (ex guardia medica) per garantire un servizio efficace e condizioni di lavoro tollerabili".

In poche sedi ospedaliere infatti, è stato concesso un rinforzo in previsione del picco influenzale. Si distingue il Mauriziano dove da quest'anno è attivo il nuovo servizio Fast, un'intera area per procedure veloci, dedicata a pazienti con influenza che verranno dimessi al più presto, evitando così intasamenti e lunghe attese:

" Ogni anno riportiamo cronache di un disservizio annunciato - aggiunge Roberto Venesia, segretario di Fimmg - e siamo stufi di questa situazione. È necessario adeguare il numero di medici di continuità assistenziale a quanto previsto dalle normative, rinforzare le sedi più in sofferenza, aprire più ambulatori. Se la Regione resta sorda, apriamo subito un tavolo in ogni Asl per aggiornare gli accordi locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento