Rogo alla Sacra di San Michele: per la procura è stata colpa di un operaio

Indagato per incendio colposo

L'incendio alla Sacra di San Michele

Un operaio della ditta incaricata del rifacimento del tetto è indagato per l'incendio divampato la sera del 24 gennaio 2018 alla Sacra di San Michele, a Sant'Ambrogio di Torino.

Si tratterebbe dell'unico dipendente che aveva lavorato quel giorno e che, quindi, avrebbe provocato il rogo commettendo qualche errore utilizzando il cannello per sciogliere il catrame utilizzato per l'impermeabilizzazione.

La difesa dell’uomo ha già presentato richiesta di incidente probatorio, che servirebbe proprio a stabilire con certezza di chi siano state le responsabilità.

I danni alla struttura ammontano a circa 500mila euro.

L'inchiesta giudiziaria è coordinata dal procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo, che ha iscritto l'operaio nel registro degli indagati a metà febbraio 2018 con l'ipotesi di reato di incendio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

Torna su
TorinoToday è in caricamento