Scontro tra due auto: entrambe distrutte, donna in ospedale

Traffico in tilt

La Giulietta andata distrutta nell'incidente

Brutto incidente nella serata di ieri, giovedì 8 marzo 2018, sulla strada provinciale 565 tra Bairo e Castellamonte.

Dopo le 20, nel tratto compreso tra il distributore di benzina di Bairo e l'uscita di Ozegna-Castellamonte, si sono scontrate una Fiat Uno e un'Alfa Romeo Giulietta.

Ad avere la peggio è stata la conducente della prima vettura, una 53enne italiana di Castellamonte, che è stata trasportata in ambulanza all'ospedale di Cuorgné.

Illeso, invece, il 40enne italiano residente a Rivarolo Canavese che viaggiava a bordo della seconda auto. Entrambi i veicoli sono andati distrutti.

Secondo una prima ricostruzione dei testimoni, sarebbe stata la Uno a immettersi da una stradina secondaria proprio mentre sopraggiungeva la Giulietta, che viaggiava in direzione di Rivarolo. La circostanza è al vaglio dei carabinieri intervenuti sul posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per oltre un'ora sulla pedemontana si è viaggiato a senso unico alternato per permettere l'afflusso dei mezzi di soccorso e la rimozione dei veicoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento