Addio a Vincenzo, il tornitore che aveva la bici nel sangue

Morto nell'incidente in scooter

Vincenzo Rochira, morto a 60 anni, durante una delle sue uscite in bicicletta

Era tornitore da una vita e aveva lavorato all'Itca e in altre fabbriche, prima di tornare alla Oma di via Grandi a Grugliasco dove sperava, tra un anno, di concludere la sua carriera e andare meritatamente in pensione. Vincenzo Rochira, torinese di 60 anni, non ce l'ha fatta perché un drammatico incidente stradale, la notte di sabato 8 giugno 2019, lo ha strappato ai suoi cari.

Sposato e con una figlia adulta, già anche nonno, Rochira era conosciuto da tutti, oltre che per i suoi modi garbati, la sua professionalità e la sua correttezza, soprattutto per la sua grande passione: il ciclismo. Macinava chilometri su chilometri, e salite su salite, con la sua bici da corsa, con cui partecipava a gare e raduni di ogni tipo. Tra le società sportive tra cui ha militato c'è il Team Bergamin. Prima di essere un amatore era stato un grande scalatore e aveva vinto anche alcune gare in linea, naturalmente in salita.

Amava anche il calcio ed era tifoso dell'Inter.

I colleghi sabato mattina lo aspettavano al lavoro, ma lui non ci è arrivato. "Vincenzo - dicono - era sempre stato uno dei nostri, abbiamo passato una vita insieme. Ci mancherà".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

Torna su
TorinoToday è in caricamento