Morti Lorenzo Ghedi e Fabio Pozzo nell'incidente del pullman del Torino

Avevano 25 e 31 anni i ragazzi morti nell'incidente di ieri sera sulla A21. Tornavano dal mare quando sono stati tamponati da un camion rubato. Hanno perso la vita finendo sotto il pullman del Torino

Il pullman del Toro e i vigili del fuoco (credit TM News/Infophoto)

Nell'incidente di ieri sera che ha coinvolto il pullman del Toro calcio, hanno perso la vita due ragazzi di Torino.

Le vittime sono Lorenzo Ghedi di 25 anni e Fabio Massimo Pozzo di 31 anni, fratello del conducente della macchina su cui viaggiavano, un ventiquattrenne ricoverato in gravi condizioni al Cto con un trauma facciale.

I ragazzi viaggiavano su una Bmw e stavano rientrando da Rapallo, dove avevano trascorso una giornata al mare. A pochi metri dal casello di Santena, sulla Torino-Piacenza, sono stati tamponati da un camion, rivelatosi poi rubato. La macchina è finita violentemente sotto il pullman del Toro che li precedeva trasformando lo scontro in tragedia.

Sono scesi giocatori e staff granata per provare a soccorrere i ragazzi, ma dopo aver spento un principio di incendio, era un'impresa fare di più perché le lamiere erano tutte schiacciate.

Il conducente del camion è fuggito con un'altra persona che viaggiava con lui, lasciando il mezzo in autostrada. Le telecamere di sicurezza potrebbero rivelarsi utili per identificare i due, nonostante scappando si siano coperti il volto con le felpe.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento