Motociclisti morti: il ragazzo alla guida dell'auto che li ha travolti era ubriaco

Il ventenne è stato denunciato per omicidio stradale

L'incidente sulla provinciale

Era ubriaco di prima mattina il ventenne alla guida della Fiat Panda che sbandando ha travolto la moto dei due coniugi di Asti, morti sul colpo. I due motociclisti hanno perso la vita questa mattina, domenica 25 agosto, a Villar Perosa, sulla strada provinciale 23R, alla rotonda con la Sp166 per San Germano Chisone. 

Lo scontro è avvenuto tra una moto BMW 1200 e una Fiat Panda. I due coniugi a bordo della moto, Eugenio Conti di 68 anni alla guida e Maria Amasio di 60 anni, residenti in frazione Revignano ad Asti, sono stati sbalzati fuori strada e sono morti, nonostante i tentativi di rianimazione. A seguito degli accertamenti svolti, i carabinieri della Stazione di Villar Perosa hanno denunciato in stato di libertà per omicidio stradale l’autista della Fiat Panda, essendo risultato positivo agli esami alcolemici con un tasso di 0,71 g/l.

Il veicolo era condotto da un ragazzo di 20 anni di Frossasco che a bordo aveva anche la fidanzata di 19 anni di Cantalupa. L’auto che si dirigeva verso Pinerolo provenendo da Sestriere ha avuto uno sbandamento, invadendo all’improvviso l’altra corsia e colpendo la moto che proveniva in direzione opposta. L’autista e la passeggera della Fiat Panda sono stati condotti a all’ospedale di Pinerolo per le cure del caso, non gravi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento