Frontale bus-auto, ancora un incidente mortale nell’incrocio maledetto

E' morto un uomo di 84 anni che si trovava a bordo della Fiat Punto che ha avuto un frontale con un minibus. Lievemente ferite altre due persone, trasportate dai soccorritori del 118 a Rivoli

Una tragedia, l’ennesima che avviene all’incrocio di San Gillio, sulla strada provinciale che collega Givoletto e La Cassa.

Questa mattina intorno alle 10.30 un frontale tra un minibus e una Fiat Punto ha fatto perdere la vita a un uomo di 84 anni, passeggero dell’auto: è deceduto durante il trasporto in ospedale con l’elisoccorso. Hanno riportato ferite non gravi invece l’autista del minibus e la donna che guidava l’utilitaria, medicate all’ospedale di Rivoli dal 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nico Marinelli, il presidente dell’associazione Tre Merli Sotto Shock, più volte ha segnalato la pericolosità di quel tratto di strada e, dopo l’incidente di questa mattina, è andato su tutte le furie. “Per quell’incrocio maledetto è già stata presentata una raccolta firme e mandata alla Provincia di Torino - ricorda Marinelli -, ma per loro non c’è un elevato tasso di incidentalità rispetto ad altri incroci. Ma cosa vuol dire? Dobbiamo avere altri morti e feriti sulla coscienza? Vogliamo una rotonda, in modo tale da ripristinare la sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento