Pralormo, identificate le vittime: sono un uomo e due ragazzine

Nell'incidente tremendo avvenuto a Pralormo ieri notte sono morti Andrea Merlo, la figlia e una compagna di scuola di quest'ultima

Hanno dovuto lavorare tutta la notte per identificare i corpi rimasti carbonizzati nell'impatto. Ora però si può dare un nome alla famiglia distrutta nell'impatto avvenuto ieri notte a Pralormo: sono Andrea Merlo, residente a Torino in zona Mirafiori, la figlia e una compagna di scuola di quest'ultima.

L'autovettura - una Fiat 500 - si è più volte ribaltata ed è finita in un fosso a bordo strada. A quel punto si sono sprigionate le fiamme dal vano motore. L'auto si è trasformata in un inferno di fiamme, che non hanno lasciato scampo al conducente e ai due passeggeri.

I Vigili del Fuoco, primi ad intervenire, hanno estratto i corpi dalle lamiere della macchina, ma non è stato possibile identificarli immediatamente, anche perché i documenti erano andati distrutti. I carabinieri hanno soltanto potuto recarsi a casa dell'intestatario del veicolo che, nonostante il rogo, ha mantenuto visibile la targa.

Il pm Lisa Bergamasco, che sta seguendo le indagini, ha ascoltato alcuni testimoni che hanno confermato che nello scontro non sono stati coinvolti altri veicoli.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • Funghi, come raccoglierli in sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento