Due morti in un incidente stradale sull'autostrada Torino-Aosta

Due operai, un albanese di 27 anni e un moldavo di 45, stavano rientrando da un cantiere edile di Torgnon, in provincia di Aosta. La loro Audi è uscita di strada. Feriti anche altri due passeggeri

Le vittime dell'incidente mortale sulla A5 Torino Aosta, nei pressi del casello di Quincinetto, sono due operai che stavano rientrando da un cantiere edile di Torgnon, in provincia di Aosta. Hanno perso la vita un albanese di 27 anni, Ferdinand Dodi,  e un moldavo di 45, Mikailo Mehley.

I due uomini stavano viaggiando su una Audi A6 che, per cause da accertare, è uscita di strada. Gli altri due passeggeri, un romeno e un moldavo, fratello di una delle vittime, che viaggiavano sulla stessa auto sono rimaste ferite, una in modo molto grave ed è stata trasportata con un elicottero del 118 all'ospedale Cto di Torino.

E' stato proprio il moldavo ferito, intrappolato tra le lamiere all'interno dell'abitacolo, a chimare i soccorsi con il cellulare. Contrariamente a quanto era stato comunicato in precedenza, non ci sono altri due feriti. L'autostrada è stata riaperta al traffico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Ansa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

Torna su
TorinoToday è in caricamento