Omissione di soccorso, individuato dopo due mesi di indagini

Dopo due mesi dall'incidente in corso Massimo d'Azeglio è stato individuata una delle persone coinvolte che era fuggita non prestando soccorso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Gli Agenti del Nucleo Infortunistica della Polizia Municipale sono riusciti oggi ad individuare, dopo due mesi di indagini, il conducente di un’auto coinvolta in un incidente lo scorso 21 maggio in corso Massimo d'Azeglio all’angolo con via Bidone: nell’urto erano state coinvolte tre auto ed erano rimaste ferite 6 persone.

L’uomo, il trentenne H.S. di nazionalità egiziana, era fuggito senza attendere l'arrivo dei soccorsi e della Polizia Municipale e per questo motivo erano state avviate le indagini, che si sono concluse con la sua individuazione ed il successivo riconoscimento fotografico da parte delle altre persone coinvolte. H.S, già detenuto per altri reati, è stato denunciato dalla Polizia Municipale all'Autorità Giudiziaria per fuga ed omissione di soccorso.
 

Torna su
TorinoToday è in caricamento