Morì con l'auto nel burrone, ma il guardrail era troppo basso: dirigente pagherà 60mila euro

Condannata a otto mesi

Luigi Cantella, 75enne di Vigevano morto nell'incidente

Il guardrail era troppo basso e ha provocato la caduta nel burrone dell'auto a bordo di cui si trovava il passeggero, che il 14 gennaio 2014 morì dopo un volo di 90 metri sulla strada provinciale tra Vidracco e Baldissero Canavese.

E' quanto ha stabilito, mercoledì 11 aprile 2018, il giudice monocratico Ludovico Morello del tribunale di Ivrea che, su richiesta del pm Chiara Molinari, ha condannato a otto mesi di reclusione per omicidio colposo e al pagamento di una provvisionale di 60mila euro la 53enne Sandra Beltramo, dirigente della Città Metropolitana di Torino, che all'epoca dei fatti era responsabile del settore viabilità.

A beneficiare della somma saranno i parenti della vittima era Luigi Cantella, 75enne di Vigevano che era alla guida di una Peugeot 206. Al momento, hanno precisato i loro legali, Raffaella Orsello e Gian Piero Ragusa, le assicurazioni non hanno versato loro neppure un euro per quanto accaduto. 

La pericolosità di quel tratto di strada, dove a proteggere il burrone c'era soltanto un cordolo alto 15 centimetri, era stata segnalata con alcune lettere dal sindaco di Vidracco, ma la Provincia non fece nulla fino a dopo l'incidente, quando intervenne con 12mila euro. In questo caso la funzionaria responsabile paga per tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento