Abbatte le sbarre del passaggio a livello: circolazione bloccata per un'ora

Ieri sera ad Airasca sulla Torino-Pinerolo. A farne le spese è stato un convoglio del servizio ferroviario metropolitano

immagine di repertorio

Ha abbattuto le sbarre del passaggio a livello provocando il blocco dei treni della linea Torino-Pinerolo.

E' avvenuto nella serata di ieri, sabato 4 febbraio 2017, sulla provinciale 139 (denominata in quel tratto via Volvera) ad Airasca.

Protagonista dell'accaduto è stato un 20enne residente a Rivalta di Torino, che viaggiava al volante di una Fiat Panda. Da accertare, ancora, le cause dell'incidente in cui non ha riportato comunque alcuna lesione.

Un treno del servizio ferroviario metropolitano diretto a Pinerolo è rimasto fermo alla stazione di None per oltre un'ora avvenuto, quando il traffico ferroviario è stato riaperto.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di None, i vigili del fuoco e il personale di Rfi che si è occupato della risistemazione del passaggio a livello.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Divieto di circolazione per i diesel, sanzionati 59 automobilisti

    • Cronaca

      Veleno per topi nell'area cani, i residenti avvertono: "Un maniaco ne ha già uccisi tre"

    • Cronaca

      Addio al barcone-ristorante Genna rovesciato dall'alluvione: verrà portato a riva e smontato

    • Cronaca

      Si rompe un tubo dell'acqua, disagi nel quartiere Vallette

    I più letti della settimana

    • Treno travolge un'auto rimasta in panne sui binari, circolazione interrotta

    • Fiamme al centro scambisti, due persone fermate dai carabinieri

    • Sesso sfrenato nell'area di sosta, due fidanzatini rischiano 30mila euro di multa

    • Ritrovata Erika Vitali: si è presentata all'università per sostenere un esame

    • Tragedia in montagna, morti i tre ragazzi dispersi sullo Chaberton

    • Autovelox a Torino da lunedì 20 a sabato 25 febbraio 2017

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento