Abbatte le sbarre del passaggio a livello: circolazione bloccata per un'ora

Ieri sera ad Airasca sulla Torino-Pinerolo. A farne le spese è stato un convoglio del servizio ferroviario metropolitano

immagine di repertorio

Ha abbattuto le sbarre del passaggio a livello provocando il blocco dei treni della linea Torino-Pinerolo.

E' avvenuto nella serata di ieri, sabato 4 febbraio 2017, sulla provinciale 139 (denominata in quel tratto via Volvera) ad Airasca.

Protagonista dell'accaduto è stato un 20enne residente a Rivalta di Torino, che viaggiava al volante di una Fiat Panda. Da accertare, ancora, le cause dell'incidente in cui non ha riportato comunque alcuna lesione.

Un treno del servizio ferroviario metropolitano diretto a Pinerolo è rimasto fermo alla stazione di None per oltre un'ora avvenuto, quando il traffico ferroviario è stato riaperto.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di None, i vigili del fuoco e il personale di Rfi che si è occupato della risistemazione del passaggio a livello.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Gli negano 10 euro e vengono presi a pugni, identificato l’aggressore

    • Cronaca

      Arriva al pronto soccorso con una freccia conficcata nel collo, 40enne salvato

    • Cronaca

      Strage dell'Heysel, una piazza ricorderà le 39 vittime di Bruxelles

    • Cronaca

      Troppi incidenti mortali in piazzale Romolo e Remo, scatta l'appello per i controlli

    I più letti della settimana

    • Schianto devastante all'incrocio, morto un pensionato

    • Finita l'emergenza in via Borgaro: i carabinieri entrano in casa del folle

    • Si barrica in casa, minaccia di suicidarsi e trasmette in diretta su Facebook

    • Tragedia sfiorata a due passi dalla Gran Madre: crolla il tetto di una palazzina

    • Giovane accoltellato all'interno del bar, è molto grave

    • Il folle barricato non desiste: via Borgaro in scacco da mezza giornata

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento