Abbatte le sbarre del passaggio a livello: circolazione bloccata per un'ora

Ieri sera ad Airasca sulla Torino-Pinerolo. A farne le spese è stato un convoglio del servizio ferroviario metropolitano

immagine di repertorio

Ha abbattuto le sbarre del passaggio a livello provocando il blocco dei treni della linea Torino-Pinerolo.

E' avvenuto nella serata di ieri, sabato 4 febbraio 2017, sulla provinciale 139 (denominata in quel tratto via Volvera) ad Airasca.

Protagonista dell'accaduto è stato un 20enne residente a Rivalta di Torino, che viaggiava al volante di una Fiat Panda. Da accertare, ancora, le cause dell'incidente in cui non ha riportato comunque alcuna lesione.

Un treno del servizio ferroviario metropolitano diretto a Pinerolo è rimasto fermo alla stazione di None per oltre un'ora avvenuto, quando il traffico ferroviario è stato riaperto.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di None, i vigili del fuoco e il personale di Rfi che si è occupato della risistemazione del passaggio a livello.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cadavere di un'anziana decomposto in casa, il figlio trovato in stato confusionale

  • Cronaca

    Dopo il gran caldo arrivano i temporali, strade allagate e bar chiusi ad Avigliana

  • Incidenti stradali

    Tampona un suv con l'Harley Davidson, morto un motociclista

  • Incidenti stradali

    Incidente sulla Torino-Savona, tir va a sbattere contro il guard rail

I più letti della settimana

  • Choc all'ospedale di Casale Monferrato: un medico assassinato da un suo collega

  • Neonato ucciso dalla mamma, il compagno non era il padre

  • Terribile schianto in tangenziale: quattro feriti, una donna ne avrà per due mesi

  • Terremoto con epicentro a Rubiana, scossa avvertita nei paesi limitrofi

  • Tragedia sulle spiagge della Versilia, torinese muore poco dopo essere entrato in acqua

  • Un'anziana e due fratelli tra rifiuti e degrado, intervengono i carabinieri

Torna su
TorinoToday è in caricamento