Rifiutò il ricovero dopo l'incidente: muore a distanza di cinque giorni

Grave trauma cranico

L'incidente di Chivasso di inizio mese

Aveva rifiutato il ricovero in ospedale dopo il grave incidente stradale in cui era rimasto coinvolto nella notte di domenica 17 febbraio a Chivasso, all'incrocio tra la statale "11" e la provinciale "89".

Poi, una volta a casa, si era sentito male, venendo ricoverato d'urgenza all'ospedale di Novara nel reparto di rianimazione per il grave trauma cranico patito.

Nei giorni scorsi, però, il tragico epilogo, con la morte di Angelo Zanelli, pensionato di 73 anni residente a Santhià (VC), proprio per colpa di quel trauma. Il decesso è avvenuto all'ospedale di Vercelli, dove era stato trasferito nel frattempo, giovedì 21 febbraio 2019.

L'uomo era al volante di una Fiat Panda che si è scontrata contro una Lancia Ypsilon condotta da una 20enne italiana di Castagneto Po, neo-patentata, rimasta illesa. La vettura aveva imboccato lo svincolo contromano.

La ragazza era stata poi sottoposta all'alcoltest, risultando avere un livello di alcol nel sangue pari a 0,5 grammi per litro. Di qui il sequestro della patente e dell'auto e ora rischia la denuncia per omicidio stradale.

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Come difendersi dai ladri d'appartamento in estate

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

I più letti della settimana

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Paura in paese: auto esplode pochi secondi dopo essere stata parcheggiata

  • Tragedia nel condominio, uomo si toglie la vita gettandosi dal balcone  

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

Torna su
TorinoToday è in caricamento