Fiamme in una palazzina: due carabinieri restano intossicati per salvare tre ragazzini

A fuoco masserizie nell'androne

immagine di repertorio

Due carabinieri e tre bambini-ragazzini sono rimasti intossicati nel pomeriggio di ieri, lunedì 31 dicembre 2018, in un incendio divampato in un condominio comunale di via Provvidenza 20 a Carmagnola.

Ad andare a fuoco sono stati un divano e alcune masserizie che erano stati accatastati nell'androne del palazzo, dove sono ospitate dieci famiglie disagiate.

I ragazzini, che abitano al primo piano dello stabile, si erano rifugiati sul balcone insieme alla madre, una romena di 31 anni, per sfuggire al fumo, ma naturalmente le fiamme ne bloccavano la discesa in basso.

Le fiamme sono state poi spente dai vigili del fuoco di Carmagnola, che hanno poi dichiarato la struttura agibile. Le famiglie sono poi rientrate negli appartamenti.

I tre minorenni sono stati trasportati all'ospedale Santa Croce di Moncalieri, da cui sono stati dimessi in giornata, mentre i carabinieri che hanno cercato di salvarli si sono recatì autonomamente all'ospedale San Lorenzo di Carmagnola, dove sono stati inizialmente trattenuti e poi dimessi con una prognosi di tre giorni.

Potrebbe interessarti

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Ragnetti rossi, come eliminarli in modo naturale

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Bambino esce in bici dal cortile della casa dei nonni e viene investito: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento