“I”, la mostra-mistero al Museo del Cinema: dedicata ad uno spettatore alla volta

Alla Mole arriva l'evento tutto da decifrare, tra Jules Verne e la fabbrica di cioccolato. Ecco come partecipare

Attorno a questo crittogramma, Alvaro Urbano ha costruito un progetto dal titolo “My Boy, with Such Boots we may Hope to Travel Far”, che consiste nel trasformare le lettere del messaggio in gruppi scultorei distribuiti in vari luoghi del mondo e realizzati con materiali caratteristici delle zone in cui vengono installati.

La fase d’esordio del progetto ha visto la realizzazione delle prime 15 lettere del messaggio, disposte in maniera permanente tra Merano e Tirolo. In “I”, l’ambizioso progetto viene riunito per intero negli spazi della Mole Antonelliana, in una mostra che si propone come un rito che propizia la trasformazione di un’idea in opera d’arte. Ma anche come un affascinante mistero svelato a un'unica persona.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esplosione nel capannone: uomo ustionato in modo grave

  • Incidenti stradali

    Fuori strada con la bicicletta: atterrato elisoccorso, è grave in ospedale

  • Incidenti stradali

    Bimba nata dopo l'incidente: ore decisive, piccoli miglioramenti 

  • Cronaca

    La friggitrice prende fuoco, il fumo invade la pizzeria: paura clienti e personale

I più letti della settimana

  • Più 42 nuovi negozi e 600 addetti: Settimo Cielo è il parco commerciale più grande d’Italia

  • Investita da un’auto mentre attraversa la strada: donna morta

  • Investita all'ultimo mese di gravidanza: caccia al pirata della strada. Poi parto miracoloso in ospedale

  • Tragedia nell'azienda: morto un giovane ingegnere

  • Una città intera piange Mattia: aveva solamente sei anni

  • Brutto incidente in tangenziale: ragazza in ospedale, traffico paralizzato

Torna su
TorinoToday è in caricamento