Orrore a Dacca, la torinese Claudia D'Antona è morta subito

La sorella: "Non ha ricevuto i messaggi sul cellulare dal marito. Faremo i funerali in piazza Benefica"

E' Claudia D'Antona, 56 anni, la torinese morta nell'attentato dell'Isis a Dacca. Da oltre 30 anni aveva lasciato l'Italia per trasferirsi prima in India e poi in Bangladesh, dove gestiva un'azienda tessile col marito Gian Galeazzo Boschetti, l'unico italiano salvatosi dalla furia dei terroristi perché era uscito a telefonare.

A Torino la donna lascia la sorella Patrizia e il cognato Marco Porcari, entrambi avvocati. "Ci ha chiamati suo marito per darci la brutta notizia - spiega la sorella - e ci hanno detto che quasi sicuramente è morta subito, perché non ha ricevuto i messaggi che lui le ha inviato da fuori col telefonino. Loro erano in quel locale per incontrare un cliente. A Dacca erano felici, vivevano da 14 anni e avevano due gatti e due cani. Non avevano paura degli attentati".

Anche Claudia, in gioventù, si era laureata in legge. A Torino aveva fatto la volontaria per la Croce Verde, partecipando ai soccorsi del rogo del cinema Statuto nel 1983. "Per dieci anni - racconta la sorella - aveva fatto la scout alla parrocchia di Gesù Nazareno, in piazza Benefica, e proprio lì abbiamo intenzione di organizzare la cerimonia funebre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento