Da Torino alla Siria per combattere con l'Isis. Muore in battaglia

Habibi Wael era amico di Bilel Chihaoui, il presunto terrorista fermato dai Ros a Pisa, e ha lasciato il capoluogo piemontese per diventare un foreign fighter

Habibi Wael a Torino

E' partito da Torino per andare a combattere in Siria per l'Isis ed è morto due settimane fa. Si chiamava Habibi Wael ed era amico di Bilel Chihaoui, il presunto terrorista fermato giovedì dai Ros a Pisa. Ma se sul secondo ci sono ancora dubbi a proposito della sua volontà di votarsi al martirio, sul primo le incertezze sono poche.

Habibi, che in una foto sui social è stato immortalato davanti ai portici di via Nizza, era giunto a Torino diversi anni fa e si era iscritto all'Università ma piano piano il suo percorso è stato deviato, molto probabilmente da qualcuno che lo ha indirizzato sulla strada dell'Islam radicale, spingendolo a partire per la Siria e a imbracciare le armi.

Una scelta che però ha pagato con la vita e potrebbe essere stata la notizia della sua morte e mandare in crisi l'amico Chihaoui che su Facebook, qualche giorno fa, aveva annunciato l'imminente martirio. I Ros, che lo tenevano d'occhio da un po', lo hanno però bloccato. Le indagini non sono concluse e si cercano, in città, eventuali altre persone in collegamento con l'Isis. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento