Scontrini non emessi, falsi poveri e aziende in nero: il 2012 della GdF

La Guardia di Finanza nel 2012 ha scoperto 385 microaziende in nero, individuando, con 8 mila verifiche, redditi sottratti a tassazione per 1,5 miliardi di euro e 221 milioni di Iva evasa

Il 2012 della Guardia di Finanza in Piemonte si è chiuso con la scoperta di 385 microaziende in nero per oltre 1,5 miliardi di euro sottratti a tassazione e 221 milioni di Iva evasa. Sono state necessarie 8 mila verifiche, con l'impiego di 2.600 militari, ma alla fine si sono recuperati ben 330 milioni e sequestrati beni per altri 97 milioni di euro.

Questi sono i numeri dell'ultimo anno delle Fiamme Gialle che "esprimono il senso della qualità e della concretezza delle azioni contro le evasioni sostanziali delle imposte", dice il generale Carlo Ricozzi. Tra le operazioni portate a termine dalla Guardia di Finanza si ricorda quella delle truffe sui finanziamenti pubblici che ha permesso di recuperare quasi 30 milioni di euro.

Tra i migliaia di casi passati al vaglio dei militari, nel 2012 c'è stata la denuncia per 295 falsi poveri. Gente che al fisco risultava nullatenente e poi magari girava con il Ferrari o aveva diverse proprietà non denunciate. Notevole anche l'impegno della Guardia di Finanza nella lotta alla criminalità organizzata e alle mafie, soprattutto alla 'ndrangheta. Nel 2012 la guardia di finanza ha sequestrato in Piemonte beni e valori per 29 milioni di euro, con oltre 700 soggetti interessati da indagini volte a impedire le infiltrazioni dei capitali mafiosi nelle economie. Tra le attivita' più redditizie per la malavita il traffico di droga: i controlli e le investigazioni dei finanzieri hanno consentito il sequestro, nel 2012 in Piemonte, di oltre 1,6 tonnellate di droga, tra hashish, cocaina, eroina e altre sostanze, con 149 arresti.

Ultimo neo, quello sugli scontrini. Le Fiamme Gialle hanno effettuato più di 28 mila controlli nell'ultimo anno, con una percentuale d'irregolarità pari al 30%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento