Il giudice si ribella al codice penale: "Troppi quattro anni di carcere per avere rubato due bottiglie di liquore"

Atti alla Corte Costituzionale

immagine di repertorio

Il reato di rapina impropria, con la conseguente condanna a quattro anni di carcere, per avere rubato due bottiglie di liquore da un supermercato e avere strattonato una guardia è troppo grave. È quanto sostiene il giudice Paolo Gallo del tribunale di Torino, che ha inviato gli atti alla Corte Costituzionale per una questione di legittimità del codice penale. Il fatto è avvenuto in città lo scorso 24 aprile. Il malvivente, un italiano, era stato fermato prima da un richiedente asilo nigeriano e poi dalla sicurezza del punto vendita.

Il magistrato chiede che sia cancellato il passaggio che prevede per questo tipo di crimine quel tipo di reato. "Quattro anni di reclusione per la sottrazione di due bottiglie di liquore seguite da qualche strattone non può essere considerata una risposta sanzionatoria proporzionata", scrive il giudice.

Nell'ordinanza il giudice suggerisce di applicare altri articoli del codice penale per questo tipo di reato: il furto aggravato, la resistenza a pubblico ufficiale, la violenza privata, che secondo lui garantiscono una pena più proporzionata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Travolta da un'auto mentre attraversa la strada: morta sul colpo

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Donna perde il treno e per protesta occupa i binari: quasi un'ora di stop per tutti i convogli

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento