Gipeto trovato morto, forse ucciso dai fili dell'alta tensione

Splendido esemplare che volava in zona

Guido Gattiglio e gli agenti del servizio di tutela flora e fauna della Città Metropolitana mostrano il gipeto trovato morto

Una femmina di gipeto, di nome Palanfré, è stata trovata morta nella giornata di ieri, venerdì 16 marzo 2018, nella zona dell'Abbazia di Novalesa.

L'imponente e splendido rapace, nato a Innsbruck e introdotto nel 2004 nel parco delle Alpi Marittime Mercantour, era lungo circa 120 centimetri e aveva un’apertura alare di 280 centrimetri, era solito volare nella zona del Rocciamelone e della val Cenischia.

Guido Gattiglio, il cittadino che lo ha ritrovato, ha chiamato subito gli agenti del servizio tutela fauna e flora della Città Metropolitana di Torino.

L'animale è stato trasportato alla facoltà di veterinaria dell'Università a Grugliasco allo scopo di accertarne le cause della morte. L’ipotesi più probabile è che durante il volo di oggi abbia urtato i fili elettrici dell’Abbazia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

Torna su
TorinoToday è in caricamento