Gipeto trovato morto, forse ucciso dai fili dell'alta tensione

Splendido esemplare che volava in zona

Guido Gattiglio e gli agenti del servizio di tutela flora e fauna della Città Metropolitana mostrano il gipeto trovato morto

Una femmina di gipeto, di nome Palanfré, è stata trovata morta nella giornata di ieri, venerdì 16 marzo 2018, nella zona dell'Abbazia di Novalesa.

L'imponente e splendido rapace, nato a Innsbruck e introdotto nel 2004 nel parco delle Alpi Marittime Mercantour, era lungo circa 120 centimetri e aveva un’apertura alare di 280 centrimetri, era solito volare nella zona del Rocciamelone e della val Cenischia.

Guido Gattiglio, il cittadino che lo ha ritrovato, ha chiamato subito gli agenti del servizio tutela fauna e flora della Città Metropolitana di Torino.

L'animale è stato trasportato alla facoltà di veterinaria dell'Università a Grugliasco allo scopo di accertarne le cause della morte. L’ipotesi più probabile è che durante il volo di oggi abbia urtato i fili elettrici dell’Abbazia.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento