Giovani pigri e apatici? No, impegnati e partecipanti

Lo ha detto un sondaggio del Piano Adolescenti della Città di Torino, che ha interpellato quasi 4mila ragazzi

Altro che bamboccioni, refrattari agli impegni e apatici. Gli adolescenti torinesi si impegnano nello sport e nel volontariato e sognano un lavoro che li realizzi, appassionante più che ben retribuito.

È la fotografia che emerge dal Piano Adolescenti della Città di Torino, nel cui ambito sono stati interpellati 3826 ragazzi di 26 scuole tra superiori e professionali, attraverso un questionario. Nello specifico, è stato chiesto ai ragazzi di indicare le strutture, i gruppi e le associazioni che abitualmente frequentano e gli strumenti di comunicazione che utilizzano. Inoltre, sono state proposte domande aperte su identità, lavoro e sostenibilità.

A presentare i dati è stata Mariagrazia Pellerino, assessore alle Politiche educative del Comune di Torino: “Dall'analisi dei questionari emerge che il cliché dei ragazzi pigri e fannulloni non corrisponde a verità, anzi, c'è invece una forte richiesta alle istituzioni della Città di essere consultati sui servizi per i giovani e sui trasporti. Prevale il desiderio di partecipare alla vita della comunità".

Secondo il sociologo dell'Università di Torino, Simone Martino: "Dall'indagine emerge una generazione meno problematica di quanto si tende a immaginare. La maggior parte usa infatti i social network ma come mezzo per poi incontrare i propri coetanei. Facebook e Whatsapp, per intenderci, non sostituiscono affatto quella che è la socialità vera e propria. Di contro, molti ragazzi non sono purtroppo in grado di fare una ricerca efficace su Google".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dal questionario – ha concluso Pellerino – emerge tuttavia una paura del futuro, soprattutto di non trovare un lavoro adeguato. Molti di loro hanno genitori precari o che hanno perso il lavoro e questo li rende più insicuri rispetto al loro futuro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

Torna su
TorinoToday è in caricamento