I vicini segnalano un “odore insopportabile”: nell'alloggio trovati 5 gatti in mezzo all'immondizia  

Montagne di escrementi e rifiuti nella casa affittata da una gattara

Alcune foto scattate all'interno dell'appartamento

Raccoglieva dalla strada i gatti randagi da circa tre anni, portava loro da mangiare, ma non si occupava di pulire l’alloggio che aveva affittato e nel quali i suoi mici vivevano tra cumuli e cumuli di immondizia. A intervenire, sabato mattina 11 maggio, sono stati gli agenti del nucleo di vigilanza zoofila Agriambiente dopo la segnalazione arrivata dai vicini di casa, ormai stanchi di convivere con quell’odore nauseabondo che proveniva dell’appartamento di via Nizza preso in affitto da una gattara 70enne che abita fuori Torino.

Condizioni igieniche disastrose

Quando gli agenti sono intervenuti davanti a loro si è presentato uno spettacolo raccapricciante. Nell’abitazione sono stati trovati 5 gatti, 4 femmine e un maschio, tenuti in condizioni igieniche disastrose. Le lettiere erano stracolme di feci e sparsi ovunque sul pavimento vi erano scatolette aperte, cibo vecchio, sabbia e immondizia.  

La 70enne è stata denunciata per maltrattamento di animali. I gatti sono stati tratti in salvo grazie all’intervento delle guardie zoofile coordinate dagli agenti Silvio Cerrato e Daniele Galietti. I gatti, successivamente, sono stati portati da un veterinario per essere visitati prima di venire affidati a un'associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Scontro fra tre veicoli, uno travolge un ciclista: muore sotto gli occhi della moglie

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

Torna su
TorinoToday è in caricamento