Armati di pistola assalgono la direttrice e rubano alle poste 10mila euro

Hanno atteso che la direttrice aprisse la porta, poi minacciandola con una pistola sono entrati e si sono fatti consegnare il contenuto della cassa, circa 10mila euro

Stava aprendo la porta principale dell'ufficio postale in cui lavora quando due banditi, armati di pistola, l'hanno assalita e costretta a farli entrare.

Il triste episodio si è verificato nella mattinata di lunedì all'ufficio postale di Cafasse, in provincia di Torino. I due malviventi, muniti di pistola e col volto coperto da una sciarpa, hanno atteso l'arrivo della direttrice. Quando questa ha cercato di aprire la porta dell'edificio, le sono arrivati alle spalle e l'hanno minacciata costringendola a farli entrare.

Con l'arma puntata addosso, la direttrice ha aperto la cassa ed ha consegnato ai due malviventi il contenuto, circa 10mila euro. Intascato il bottino, i banditi sono poi velocemente fuggiti a bordo di una vecchia Fiat Uno, rubata il giorno prima a Torino.

Illesa la donna che, malgrado lo spavento, ha subito dato l'allarme. Sull'accaduto indagano i carabinieri di Venaria: secondo la testimonianza della direttrice i due erano italiani, ma la stessa non avrebbe riconosciuto particolari inflessioni dialettali.

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento