Bruciano il furgone per i soldi dell'assicurazione, in manette padre e figlio

Schiacciati dalla crisi economica volevano incassare la polizza assicurativa dando fuoco al furgone aziendale. Ma i carabinieri li hanno sorpresi e arrestati dopo la segnalazione di alcuni residenti

Padre e figlio sono finiti in carcere per aver dato fuoco al furgone aziendale con lo scopo di ottenere soldi dall'assicurazione.

L'idea, nata per colpa della crisi economica attraversata dai due, come hanno ammesso ai carabinieri al momento dell'arresto, è stata messa in pratica la scorsa notte a Rondissone. Intorno alle 4 un vasto rogo ha iniziato a bruciare il furgone e alcuni cittadini hanno chiamato i vigili del fuoco, arrivati in pochi minuti sul posto insieme ai carabinieri. Questi ultimi lungo la strada avevano notato due persone con fare sospetto allontanarsi proprio dal luogo dell'incendio. Fermati, si trattava proprio di padre e figlio, i proprietari del mezzo in fiamme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confessata la natura dolosa del rogo, i due uomini - il padre di 70 anni residente a Torino e il figlio di 37 anni residente a Chivasso - sono stati arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento