Esce per cercare funghi e non torna a casa: trovato morto in un dirupo nella notte

Dopo quasi quattro giorni

immagine di repertorio

Leonardo Pezzo, 67enne di La Loggia, è stato trovato morto nella notte di oggi, martedì 24 settembre 2019, nei boschi di borgata Ciom a Cumiana.

Di lui si erano perse le tracce dalla mattina di venerdì 20, quando era uscito di casa per andare a funghi. L'allarme, però, è scattato soltanto nel pomeriggio di ieri, quando i familiari hanno presentato denuncia di scomparsa.

L'uomo, infatti, era solito trascorrere il weekend con gli amici. Avrebbe dovuto accompagnare i nipotini a scuola nella mattinata di ieri e non si è presentato.

Le ricerche si sono immediatamente concentrate nella zona di Cumiana e Piossasco. In borgata Ciom è stata trovata in breve tempo la sua Alfa Romeo 156.

Le battute di ricerca sono andate avanti fino all'1 di notte, quando il corpo è stato avvistato, dopo essere stato fiutato da un cane molecolare, e recuperato in un dirupo non particolarmente impervio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle ricerche hanno partecipato i vigili del fuoco (anche con l'elicottero Drago), il soccorso alpino, i volontari anti-incendi boschivi e la Croce Verde.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento