homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Fiat: dopo un mese riapre Mirafiori, ma solo per tre giorni

Riapre domani lo stabilimento di Mirafiori: sono oltre 3.000 i lavoratori del secondo turno della linea Idea-Musa e di entrambi i turni della Mito, secondo dati sindacali, che torneranno in fabbrica da domani a giovedì

Dal 22 dicembre non sono più andati a lavorare, ma da domani oltre 3.000 lavoratori della Fiat torneranno nello stabilimento di Mirafiori. Saranno solo tre giorni di occupazione e non si sa ancora quando ci rientranno, visto che non sono stati ancora comunicati i giorni di lavoro del periodo 23-31 gennaio.

Quello di domani sarà anche il primo giorno senza la Fiom in fabbrica. Davanti alla storica porta 2 dello stabilimento torinese i metalmeccanici Cgil attaccheranno una serie di manifesti con il disegno di un lavoratore imbavagliato. Sarà distribuito inoltre un volantino nel quale sono richiamati gli articoli della Costituzione sulle libertà sindacali, mentre proseguirà la raccolta di firme a sostegno del referendum abrogativo del contratto del gruppo. "E' un rientro amarissimo e beffardo per i lavoratori di Mirafiori - afferma Giorgio Airaudo, responsabile Auto della Fiom -, il 2012 inizia peggio del 2011. Un anno fa era stato spiegato loro che il referendum sarebbe stato decisivo, in realtà la fabbrica rischia una lenta eutanasia".

"Mai a Mirafiori - osserva Airaudo - sono state prodotte così poche auto: neanche 70.000 nel 2011. Tra il 2002 e il 2004 convenimmo con Umberto Agnelli che non si doveva scendere sotto la soglia delle mille auto al giorno che vuol dire 220.000 all'anno. Secondo Airaudo, "il rischio è che Mirafiori, già ridotta al lumicino, venga quindi ridimensionata anche su progetto e sviluppo". "Un anno fa - dice ancora il sindacalista della Fiom - si era detto ai lavoratori che la loro disponibilità e il loro sacrificio avrebbero garantito gli investimenti e il lavoro, mentre quest'ultimo si sta riducendo. Non si capisce perché si continuino a cambiare i modelli: prima il monovolume poi spostato in Serbia, poi i due Suv Alfa e Jeep, ora un piccolo suv non si capisce destinato a chi. Quello di Torino rischia di apparire uno stabilimento in smantellamento". (Ansa)
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      I baby ladri fanno irruzione nel centro anziani, fermati un 12enne e una 16enne

    • Cronaca

      Fa retromarcia per uscire dal parcheggio, Fiat Panda sale sul cofano di una Punto

    • Incidenti stradali

      Auto finisce contro la serranda di un bar, ferite cinque persone

    • Cronaca

      Campi nomadi, il Comune promette l'installazione di telecamere

    I più letti della settimana

    • Nubifragio su Torino e provincia, oltre 300 chiamate ai vigili del fuoco

    • Incendio in una ditta di smaltimento rifiuti, a fuoco plastica e materassi

    • Bambino investito all’uscita del supermercato, fugge il pirata della strada

    • Fanno il bagno con la bandiera rossa, fidanzati torinesi rischiano di morire

    • Malore mentre fa il bagno a Cesenatico, muore un torinese di 70 anni

    • Rivoli, investimento mortale: perde la vita un anziano

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento