Quindicenne col retto perforato per uno scherzo finito male in palestra

I due ragazzini stavano facendo un esercizio di squat quando uno dei due ha messo sotto l'altro un attrezzo simili ad un bastone. All'abbassarsi delmalcapitato, il bastone gli ha perforato il retto

Uno scherzo finito male quello che ha coinvolto un ragazzino quindicenne di Cantalupa, nel Pinerolese, e che gli è costato il ricovero in ospedale con l'intestino perforato.

L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri, in una palestra. La vittima ed un amico stavano eseguendo alcuni esercizi di squat che consistono nel piegarsi, flettendo le ginocchia, come se ci si dovesse sedere su una sedia.

Uno dei due ha posizionato un attrezzo molto simile ad un bastone sotto l'altro, prima della flessione. Solo uno scherzo, ma quando il malcapitato si è abbassato, è rimasto ferito dal bastone, con tanto di gravi lesioni al retto ed all'intestino.

Il quindicenne è stato trasportato immediatamente all'ospedale "Agnelli" di Pinerolo, inizialmente in condizioni molto gravi a causa della perforazione del retto e dell'emorragia. Subita una delicatissima operazione, al momento, le sue condizioni sarebbero stabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fatto è stato segnalato dall'ospedale alla procura dei minori di Torino per gli accertamenti del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

Torna su
TorinoToday è in caricamento