Volvera, fa esplodere un botto: i medici gli amputano una mano

Il fatto è accaduto in via Garibaldi, vicino alle case popolari. L'uomo è stato portato al Cto

Botti "a cipolla"

Non è stata una buona giornata per il trentunenne di Volvera che questa mattina, attorno all'ora di pranzo, facendo esplodere un botto, probabilmente un residuo di Capodanno, si è procurato gravi ferite alla mano. L'uomo, si trovava in via Garibaldi, vicino alle case popolari, quando ha deciso di far scoppiare un enorme botto a cipolla che però aveva la miccia corta.

Una volta acceso, non ha infatti fatto in tempo ad allontanarsi: il petardo è scoppiato subito procurandogli gravi danni alla mano destra. Chi ha assistito alla scena ha immediatamente chiamato il 118 e sul posto, dopo poco, è giunta l'ambulanza che ha caricato l'uomo e lo ha trasportato velocemente al Cto di Torino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volto giunto in ospedale i medici hanno cercato di salvargli l'arto, lacerato dall'esplosione ma alla fine sono stati costretti ad amputargli la mano. Al momento gli agenti di polizia locale stanno accertando la provenienza dell'articolo acquistato e le eventuali irregolarità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Fa il bagno in mare all'alba ma si sente male: giovane torinese perde la vita a Riccione

Torna su
TorinoToday è in caricamento