Tragedia del Rigopiano, la sesta vittima è un senegalese residente a Torino

Faye Dame, 45 anni, da due anni lavorava come inserviente presso la struttura alberghiera

Faye Dame, la sesta vittima del Rigopiano

Tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano figurava anche Faye Dame, 45 anni, un immigrato senegale residente a Torino che aveva lo status di rifugiato.

L'uomo, inserviente presso la struttura, è stato trovato privo di vita. Dame è la sesta vittima della valanga che ha spazzato via l'albergo.

A parlare del senegalese sono stati alcuni dei sopravvisuti che lo avevano visto nell’hotel. Dal giorno della slavina, tuttavia, non si avevano più sue notizie.

L’immigrato senegalese era regolarmente assunto al Rigopiano da due anni, in possesso di un permesso di soggiorno. 

La sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti. Anche un'amica del 45enne, originaria del Camerun, è stata ascoltata dagli inquirenti. Dame ha un fratello che al momento si trova in Senegal.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Povero ragazzo e tutte le altre vittime.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Maltrattamenti, persecuzioni e mancata assistenza: a processo il Clarke di Beautiful

  • Cronaca

    Il bancomat esplode e il boato sveglia i residenti: ladri feriti, fuggiti e arrestati

  • Sport

    Il Giro d'Italia per due giorni protagonista nelle strade del Torinese

  • Cronaca

    Incendio nel fast-food, clienti evacuati

I più letti della settimana

  • Un po' di amaro nella festa della Juventus: tir di tifosi coinvolto in un incidente, sei feriti

  • Precipita nel vano ascensore durante la riparazione di un guasto: morto

  • Trovata senza vita negli uffici della sua azienda, il paese è in lutto

  • Un destino infame per il povero Mattia, morto come il papà: "Un ragazzo meraviglioso"

  • Scontro frontale fra due auto: donna muore intrappolata tra le lamiere

  • Moto contro auto all'incrocio: morto il centauro

Torna su
TorinoToday è in caricamento