Caso Rosboch, da Facebook e Google i messaggi cancellati tra Defilippi e la madre

Il materiale sarà esaminato dall'Fbi

Gloria Rosboch, la professoressa uccisa

Facebook e Google dovranno fornire le conversazioni e-mail e sui social intercorse tra Gabriele Defilippi, condannato a trent'anni per l'omicidio della professoressa Gloria Rosboch di cui è stato allievo, e la madre Caterina Abbattista. A ordinarlo - come confidato dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando a margine del processo nei confronti della donna accusata di concorso in omicidio e truffa in concorso - il giudice della California.

Il materiale però, prima della consegna alla procura di Ivrea, dovrà essere esaminato dall'Fbi, per escludere "pericoli per la sicurezza nazionale". Tramite rogatoria internazionale, era stata la procura a chiedere, ai due colossi informatici, la consegna delle conversazioni su internet tra Defilippi e la madre, cancellate dai due su rispettivi computer. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento