Juve-Ajax: 54 tifosi olandesi arrivano armati, scatta l'espulsione immediata

Coltelli, spranghe e petardi

Uno dei bus dei tifosi dell'Ajax durante i controlli

Espulsione immediata dal territorio italiano per 54 tifosi dell'Ajax su 109 controllati complessivamente nella giornata di ieri, lunedì 15 aprile 2019, dalla Digos di Torino. Il provvedimento segue la denuncia dei quattro che erano stati sorpresi con guanti rinforzati e paradenti nella mattinata.

I controlli sono scattati sempre a Settimo Torinese, tra l'autostrada Torino-Milano e la tangenziale. Su due bus e un minivan sono stati trovati coltelli, spranghe, fumogeni e petardi.

Oggi hanno passato una notte sotto sorveglianza (pur non essendo in stato di fermo) e domani saranno accompagnati alla frontiera. Per alcuni è scattata anche la denuncia per porto di oggetti offensivi.

È stato il ministro dell’interno Matteo Salvini ad annunciare l’allontanamento degli hooligans, che quindi perderanno il ritorno dei quarti di finale in programma questa sera. "Grazie alla polizia - ha scritto in un tweet - nessuno può permettersi di venire in Italia per creare disordini. I nostri stadi e le nostre città sono chiusi per i violenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

+++NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO+++

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus, nuova stretta della Regione: chiusi uffici pubblici e studi professionali fino al 3 aprile

Torna su
TorinoToday è in caricamento