Sette mesi dopo l'esplosione disagi a non finire in strada della Verna

Le famiglie dei civici 7 e 9 convivono con una lunga lista di problemi di cui Atc è al corrente. E il Cit sosterrà presto le spese per i lavori

Dopo l’esplosione nessuna traccia degli interventi. Sette mesi dopo quel terribile 10 marzo sono ancora tante le famiglie di strada della Verna 20 che si sentono abbandonate al loro destino e che giurano di vivere in un mare di disagi. Tra finestre danneggiate, crepe sui muri e infissi che cadono a pezzi. La maggior parte alloggia agli interni 7 e 9.

“Rischiamo di passare l’inverno in una ghiacciaia – accusa Alberto, prigioniero del freddo e di serramenti difettosi -. L’accensione del riscaldamento non risolverà il nostro problema. Qui serve soltanto un pronto intervento”. Non cambia la musica nemmeno al civico 9, quello dove è avvenuta la deflagrazione. Le poche famiglie rimaste convivono con porte e finestre che non si chiudono più. “Quando ci facciamo la doccia dobbiamo fare attenzione – rincara la signora Franca -. Altrimenti rischiamo di allagare le camere confinanti”.

Ma delle venticinque famiglie sfollate a seguito dell’esplosione sedici sono ritornate a casa nel periodo pasquale. Ad oggi, invece, risultano sette gli appartamenti vuoti perché ancora danneggiati e dunque non in grado di ospitare una o più persone. Per questo motivo l’Atc ha stilato un progetto preliminare per il restyling delle case, per avviare i lavori di manutenzione straordinaria necessari per la completa sistemazione dello stabile.

Il Consorzio Intercomunale Torinese, ente proprietario degli edifici, sosterrà presto le spese per i lavori, fattore che garantirà un successivo via libera ad una gara d’appalto per l’affidamento degli stessi. “I nostri uffici – spiegano da corso Dante -. hanno già stilato un progetto dei lavori di manutenzione straordinaria necessari per la completa sistemazione dello stabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prospetto ha ottenuto l’ok del Cit e una volta concluso l’iter della gara d’appalto, che richiede una determinata tempistica imposta dalla normativa, i lavori potranno iniziare. “Gli interventi – concludono da corso Dante - riguarderanno sia gli alloggi vuoti sia quelli dove ci sono ancora problemi legati all’incidente. I serramenti verranno quindi verificati, riparati o, se necessario, sostituiti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Coronavirus, Piemonte ai vertici per incremento di posti in terapia intensiva

  • Annuncia di volersi suicidare: ripescato il suo corpo nel fiume

Torna su
TorinoToday è in caricamento