Emergenza erba alta in città: bambini e animali domestici in pericolo

Non basta l'azione dei volontari

Alla vigilia dell'estate a Torino si presenta il solito problema in diverse zone della periferia: quello dell'erba alta. Una delle zone più infestate dalle sterpaglie è la zona di borgata Frassati, dalle parti di via Pietro Cossa, dove nelle aree verdi, le erbacce crescono selvagge e hanno raggiunto un'altezza ormai insostenibile. L'incuria dei giardini pubblici, oltre a dare un'immagine degradata della città, rappresenta un vero e proprio problema per i residenti.

I bambini non sono liberi di giocare nel verde che lasciato così, allo "stato brado", esaspera il problema delle allergie e con gli arbusti alti e spinosi, può causare non pochi ferimenti. La questione dell'erba alta, che invade anche i percorsi pedonali mettendo in difficoltà le persone anziane o i disabili, è un fastidio anche per gli animali: i cani si ammalano perchè il parco è infestato dalle spighette che si infilano sotto pelle e causano infezioni che se non sono prese per tempo, possono portare alla morte.  

Senza contare che in mezzo alle sterpaglie si trovano, non di rado, bisce morte. Un gruppo di volontari, una volta la settimana, si dà da fare per cercare di contenere "la foresta" ma certo, sarebbe utile che il taglio dell'erba da parte del Comune avvenisse più spesso, così come succede nelle zone più centrali della città. 

biscia morta-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento